cancellazione crif

Cancellazione CRIF

Cancellazione CRIF: come ottenerla

Il CRIF (Centrale Rischi Finanziari) raccoglie e gestisce informazioni creditizie attraverso le segnalazioni provenienti dalle istituzioni finanziarie, come banche, società di finanziamento, società di leasing, e altri soggetti che erogano credito. Una persona viene segnalata al CRIF quando non paga una o più rate di un prestito o di un finanziamento per più di 2 mesi.

Tuttavia, se il debitore ha saldato il debito, se rileva delle inesattezze nella segnalazione o ritiene che non ci sia motivo di comparire nella segnalazione al CRIF, allora può richiedere la cancellazione. Vediamo come funziona.

Cos’è la cancellazione CRIF

Con la definizione cancellazione CRIF ci si riferisce al processo mediante il quale le informazioni negative registrate nel database della Centrale Rischi Finanziari vengono eliminate o cancellate dopo un determinato periodo di tempo. Nel contesto delle informazioni creditizie, il CRIF registra eventi come ritardi nei pagamenti, insolvenze o altri comportamenti finanziari negativi.

La durata per la quale queste informazioni rimangono registrate dipende dal tipo di segnalazione. Ad esempio, le segnalazioni relative a pagamenti in ritardo generalmente possono essere conservate per un periodo limitato, mentre situazioni più gravi come le procedure di insolvenza possono essere registrate per un periodo più lungo.

La cancellazione CRIF avviene automaticamente una volta trascorso il periodo specificato per ciascuna segnalazione. Le persone hanno il diritto di conoscere le informazioni contenute nel proprio report CRIF e di richiedere la correzione di eventuali errori, quindi fare diretta richiesta di cancellazione.

Perché le persone richiedono la cancellazione dal CRIF?

Quando una persona o un’azienda richiede un finanziamento o un prodotto finanziario come una carta di credito o un prestito, il fornitore di servizi finanziari può richiedere informazioni al CRIF per valutare la solvibilità del richiedente. In base alle informazioni fornite dal CRIF e ad altre valutazioni interne, il fornitore di servizi finanziari decide se concedere o meno il credito e determina le condizioni del finanziamento, come il tasso di interesse e il limite di credito.

Se una persona compare nel CRIF come cattivo pagatore o trova inesattezze che potrebbero influenzare negativamente la valutazione della sua solvibilità finanziaria, allora potrebbe voler cancellarsi dal CRIF.

Inoltre, ci sono altri motivi per richiedere la cancellazione da segnalazione CRIF:

  • se la persona segnalata ritiene che il periodo di conservazione sia scaduto e che le informazioni dovrebbero essere rimosse;
  • se nel report CRIF ci sono errori;
  • se, dopo aver soddisfatto tutti gli obblighi finanziari e rispettato i termini di pagamento, le persone non devono più essere segnalate come cattivi pagatori;
  • per migliorare la propria solvibilità al fine di richiedere nuovi finanziamenti o ottenere condizioni più favorevoli per prestiti e carte di credito.

In linea generale, una persona richiede la cancellazione dal CRIF per poter ripristinare il suo stato di buon pagatore e per poter accedere a nuove forme di prestiti o finanziamenti senza gli svantaggi di coloro che sono segnalati al CRIF.

Come fare per farsi cancellare dal CRIF

La cancellazione dal CRIF è un processo che può essere complesso, in quanto dipende da diversi fattori, tra cui la natura dei dati da cancellare e la loro correttezza. Ci sono però diversi modi per tentare di ottenere la cancellazione.

Ecco come cancellarsi dal CRIF con diverse modalità.

  1. Contattare direttamente la società che ha segnalato i dati inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno o una PEC, specificando i dati da cancellare e il motivo della richiesta e allegando la documentazione che comprova la correttezza della propria posizione (ad esempio, ricevute di pagamento, estratto conto, etc.);
  2. Inviare un reclamo compilando un modulo di cancellazione al CRIF ai contatti indicati dalla società;
  3. Rivolgersi ad uno studio legale o a un’associazione di consumatori per ottenere un supporto guidato lungo tutto il processo.

Quanto tempo ci vuole per essere cancellato dal CRIF

I tempi di cancellazione dei dati dal CRIF variano a seconda della natura dei dati e della loro correttezza.

In generale:

  • i dati non corretti devono essere cancellati entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta;
  • i dati corretti ma negativi possono essere cancellati dopo 12 mesi dalla data di pagamento del debito (24 mesi per i mutui);
  • le richieste di finanziamento rifiutate o annullate si cancellano automaticamente dopo 30 giorni;
  • i finanziamenti in valutazione si cancellano automaticamente dopo 6 mesi.

Quanto costa la cancellazione in CRIF

La cancellazione dei dati dal CRIF è gratuita per i privati. Gli unici casi in potrebbe essere necessario pagare un piccolo costo sono due:

  1. richiesta di visura del CRIF, il cui costo varia a seconda del tipo di visura richiesta (ad esempio, visura completa, visura sintetica, etc.);
  2. consulenza di un avvocato o uno studio specializzato.

Non ci sono pertanto costi previsti e richiesti dal CRIF per fare segnalazione di cancellazione ma è consigliabile comunque richiedere un supporto da parte di un professionista affinché la procedura venga svolta in modo corretto.